Regione Liguria, urbanistica, box paraggi, vicepresidente Fusco: “decaduta l’ autorizzazione della regione, la societa’ ripristini subito il muro. solo dopo decideremo se il progetto potra’ continuare”.


marylin-fuscoREGIONE LIGURIA, URBANISTICA, BOX PARAGGI, VICEPRESIDENTE FUSCO: “DECADUTA L’ AUTORIZZAZIONE DELLA REGIONE, LA SOCIETA’ RIPRISTINI SUBITO IL MURO. SOLO DOPO DECIDEREMO SE IL PROGETTO POTRA’ CONTINUARE”.

GENOVA. Decaduta l’autorizzazione della Regione per la costruzione di 19 posti auto interrati nel territorio del parco nazionale del monte di Portofino e ripristino immediato del muro esistente precedentemente all’avvio dei lavori che non doveva essere demolito.

E’ quanto è stato deciso oggi dal tavolo tecnico riunito in Regione su proposta del vicepresidente e assessore all’urbanistica Marylin Fusco cui hanno partecipato, il sindaco di Santa Margherita Roberto De Marchi, il presidente dell’Ente Parco di Portofino, Francesco Olivari, i rappresentanti della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria e il direttore generale del Dipartimento Pianificazione Urbanistica della Regione, Franco Lorenzani.

La riunione che era stato convocata la scorsa settimana dal vicepresidente Fusco per verificare la correttezza dell’iter procedurale da parte della società che ha eseguito l’intervento e decidere come procedere per ripristinare le condizioni di sicurezza, non è entrata nel merito del progetto.

Il tavolo tecnico è servito anche – ha spiegato il vicepresidente Marylin Fusco – a inaugurare un nuovo metodo di lavoro quello della concertazione con i soggetti interessati quando si apre un caso come quello dei box di Paraggi. Nel corso della riunione non è stato deciso se i box devono o no essere realizzati, abbiamo valutato l’iter procedurale che ha accompagnato l’approvazione del progetto, considerato pienamente legittimo, e valutato la soluzione da adottare a seguito della demolizione del muro”.

L’obiettivo secondo Fusco è quello di “evitare che da questo momento in poi si commettano degli abusi. E vista l’inosservanza da parte della società realizzatrice della prescrizione legata all’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Regione nel 2008 , tale autorizzazione è da ritenersi priva di efficacia in quanto decaduta.

L’iniziativa regionale va di pari passo con la sospensione dei lavori decisa dal Comune di Santa Margherita Ligure il 16 giugno a cui dovrà far seguito entro 15 giorni il ripristino del muro da parte della società realizzatrice dei box e l’invio , entro 45 giorni dalla sospensiva, delle opportune spiegazioni. “Soltanto dopo – continua Fusco – vedremo se ci saranno i presupposti affinché il progetto possa continuare e in che modo”. Sulla stessa lunghezza d’onda del vicepresidente della Regione anche il sindaco di Santa Margherita, De Marchi che ha sottolineato come “le prescrizioni una volta accettate devono essere rispettate e come la società debba provvedere al ripristino dei luoghi e alla messa in sicurezza”, il presidente dell’Ente Parco di Portofino, Francesco Olivari che ha ribadito “la linearità e la correttezza delle procedure seguite dal Parco” e della Soprintendenza.

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter