Referendum contro nucleare: campagna promossa dall’Italia Dei Valori, sino a martedì 20 luglio 2010


Fusco, Piredda, Scialfa e Paladini in Piazza Palermo_3SINO A MARTEDÌ 20 LUGLIO È POSSIBILE ADERIRE ALLA CAMPAGNA PROMOSSA DALL’ITALIA DEI VALORI PER I TRE REFERENDUM CONTRO NUCLEARE, LEGITTIMO IMPEDIMENTO E PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA. IL DEPUTATO GIOVANNI PALADINI: IN LIGURIA OBIETTIVO TRENTAMILA FIRME. I GAZEBI DOVE FIRMARE

Sino al prossimo Martedì 20 Luglio 2010 prosegue, da parte dell’Italia dei Valori, la raccolta di firme per i tre Referendum contro il Nucleare, contro il Legittimo impedimento e contro la Privatizzazione dell’acqua. La campagna, fortemente voluta dal leader Antonio Di Pietro e svoltasi grazie all’impegno dei numerosi volontari nei centinaia di gazebi in tutta Italia, è iniziata lo scorso Sabato 1 Maggio ed è quindi giunta al rush finale con un risultato importantissimo: per tutti e tre i Referendum, come comunicato dall’Onorevole Di Pietro qualche giorno fa sull’apposito portale web creato per l’iniziativa (Indirizzo: www.3referendum.it), è stato centrato e superato il traguardo delle cinquecentomila firme necessarie. «Ma ora – afferma Giovanni Paladini, deputato ligure dell’Idv e tra i più attivi nella promozione dei referendum – servirà concentrarsi sull’obiettivo finale vero e proprio: la vittoria dei referendum. Dopo i passaggi burocratici necessari, si voterà, e lì la tenuta democratica del nostro Paese sarà messa a dura prova, contro le solite sirene dell’astensionismo, dell’indifferenza e dell’antidemocrazia». Anche per questo la campagna di raccolta firme continua: «Vogliamo sensibilizzare le persone su tre problemi scottanti del nostro Paese – prosegue Paladini – e mandare un segnale il più forte possibile della voglia di democrazia che c’è in Italia. In Liguria l’obiettivo finale è quello di raccogliere trentamila firme e siamo molto vicini. Per questo invito nei nostri gazebi chi ancora non fosse venuto, perché questa battaglia è troppo importante. Quella contro la privatizzazione dell’acqua, che è la più sentita, ma anche quelle contro nucleare e legittimo impedimento». L’Italia dei Valori ricorda come «esiste una urgenza democratica: il legittimo impedimento ha fatto solo intravvedere, con la vicenda Brancher, i pericoli che porta con sé. Il nucleare è una forma di energia vecchia, pericolosa, inutile: non fa gli interessi dei cittadini, e per questo deve essere fermato. Così come la privatizzazione dell’acqua, un controsenso, anch’esso pensato solo per gli interessi di pochi». Per sostenere i tre Referendum – o anche uno solo di questi – è possibile andare a firmare presso gli appositi banchetti. A Genova e provincia si trovano nei seguenti punti: Bolzaneto, Via Romairone 10, presso la Ipercoop dalle ore 16 alle ore 20; Corso Italia dalle ore 16 alle ore 20; Via XX Settembre (Ponte Monumentale) dalle ore 15 alle ore 19; Piazza Raibetta (dietro Piazza Caricamento) dalle ore 15 alle ore 19; Pegli, Lungomare dalle ore 16 alle ore 20; Sestri Levante, Piazza Bo, dalle ore 16 alle ore 20. Altri punti in Liguria: ad Imperia in Piazza San Giovanni; a Taggia presso il Centro Commerciale Leclerc ed in Piazza Eroi Taggesi; a Sanremo in corso Imperatrice ed in Via Carlo D’Acquisto; a La Spezia in Piazza Beverini e in Passeggiata Morin; a Sarzana in Piazza Matteotti e a Lerici sul Lungomare; a Savona in Corso Italia; ad Albenga sul Lungomare; a Cairo Montenotte nel centro del Comune; a Loano sul Lungomare; a Finale Ligure sul Lungomare; a Noli nel Centro Storico; a Celle sul Lungomare. Per ogni informazione è anche possibile contattare la segreteria ligure dell’Italia dei Valori al numero 010/8596650.

Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter