I Templari sono ancora tra di noi
16-04-2021



I Templari sono ancora tra di noi, ebbene sì.
Non si sono estinti come molti credono.
Ci siamo fatti raccontare la loro storia dal Presidente dell'attuale Nazione Templare.

I Templari


Il popolo templare nacque nel Medioevo sotto forma di un ordine laico-monastico, tutti ricordiamo i personaggi più noti di questo popolo, i famosi Cavalieri Templari.
Ma i Cavalieri non erano gli unici servitori dell’Ordine, il popolo templare era composto anche da molte altre persone che ruotavano intorno all’Ordine: vi erano scudieri, camerieri, cuochi, insegnanti, maniscalchi, artigiani, e molte altre figure che, insieme ai loro familiari, credevano nei principi dell'Ordine e contribuivano anch’essi a costituire il popolo dei Templari.

Intorno al 1200 il popolo dei Templari poteva contare su circa 22.000 Cavalieri d’armi in Europa.
Ogni Cavaliere aveva una corte composta da sette a trenta persone (uomini, donne e bambini) che lo seguivano, l'intero popolo templare era composto da almeno 150.000 persone.
Per fare un confronto, nello stesso periodo la città di Nizza, in Francia, contava circa 3.000 abitanti.

I Templari continuarono la loro esistenza fino al 1307, anno in cui iniziò un vero e proprio tentativo di sterminio da parte del Regno di Francia (Re Filippo IV) e dello Stato della Chiesa cattolica (Papa Clemente V).

Oltre 100.000 persone furono uccise, ma i Templari non si estinsero come molti credono e sono arrivati fino ai giorni d'oggi.
Sono un popolo senza una terra ma sono riuniti in una Nazione, pur essendo dispersi in diversi stati e con diverse cittadinanze.

Questo è stato possibile solo pochi anni fa quando, nel 2018, il Consiglio Reggenza ha eletto un Presidente e ha emanato una Carta Costituzionale creando, attraverso il principio di autodeterminazione dei popoli, la Nazione Templare.

Attualmente, la Nazione Templare (che ha finalmente raggiunto la sua dimensione politica definitiva) è governata da un Consiglio Reggenza, che ha assunto la piena autonomia dopo la sua istituzione.

Il Consiglio Reggenza ha eletto un Presidente, che ha nominato il Vice Presidente e i vari Ministri.

Il governo della Nazione Templare è quello che oggi in Italia definiremmo un "governo tecnico", con i vari ministri competenti nelle proprie materie più che veri e propri politici.

La Nazione Templare oggi è formata dal popolo templare, cioè da coloro che sono legati da principi ideologici e da una cultura comuni, da una discendenza plurisecolare e, non ultimo, da una comune religiosità.
La nazione esiste finché trova il suo posto nelle menti e nei cuori dei suoi elettori. Pertanto, una nazione è una comunità di individui (un popolo), consapevole di essere vincolata da una tradizione storica, linguistica, culturale e religiosa comune.

Nel caso dei Templari, questo riguarda specificamente una “nazione senza stato”, perché le persone appartengono a Stati diversi.
Possono aderire alla Nazione Templare e ottenere la Nazionalità tutti coloro che, per motivi storici, culturali, ideologici o religiosi, si riconoscono negli ideali del popolo templare.

Oggi i Templari sono circa 30.000 ma molte altre persone accomunate dagli stessi valori e dalla spinta di sconfiggere il male e fare del bene si uniranno a loro.

Abbiamo parlato di Nazione Templare, ma che differenza c'è con l'Ordine?
Abbiamo intervistato il Presidente della Nazione Templare Riccardo Bonsi e il Ministro della Comunicazione e della Cooperazione ai Progetti Sociali Marzio Villari.

Per saperne di più dopo aver guardato la nostra video intervista condotta da Michela Resi è possibile consultare il sito ufficiale della Nazione Templare e perfino fare richiesta on line di entrare nella Nazione Templare

ZenaZone.it Cultura

Il Canale YouTube Ufficiale di ZenaZone.it

DAVIDE ROMANINI

Nato nel 1969 a Genova, ingegnere, uno dei due soci di Zenazone e co-fondatore di Zenazone.it
Autore di oltre 200 video itinerari turistici in tutta Italia con il format Eats&Travels
Videomaker Ambassador Traipler
Oltre 1.000 fotografie nello stock photography
Realizza Virtual Tour per qualsiasi struttura (per informazioni e per creare un virtual tour nella tua struttura)
Realizza strategie di Web Marketing e Video Web Marketing

 

ARTICOLI CORRELATI

Il Teatro Nazionale di Genova ricorda Mariangela Melato a dieci anni dalla scomparsaVersatile e intensa, capace di passare con facilità dal registro brillante a quello drammatico, Mariangela Melato negli anni in cui è stata legata al Teatro Stabile di Genova è stata protagonista di spettacoli molto diversi l’uno dall’altro
10-01-2023
Attraverso le grandi acque, mostra di arti figurative al GalataOltre le “grandi acque” dell’Oceano. Il titolo della mostra è paradigma e cifra del percorso espositivo, un vedere “oltre”, varcare e sapere che altri mondi sono possibili.
09-01-2023
Figurine di Natale al Museo Diocesano di GenovaDa giovedì 1° dicembre 2022 al Museo Diocesano di Genova sarà esposto il prezioso Presepe in sagome ritagliate e dipinte realizzato nel XVII secolo.
28-12-2022
Mostra di Roberto Rossini al Galata Museo del Mare a GenovaFloating Map (deconstruction) è la mostra di Roberto Rossini che si apre il 13 dicembre 2022 al Galata Museo del Mare di Genova.
11-12-2022
Bruciabaracche al Politeama genovese con Palle di NataleDopo il successo del “Brucia Beach Party” di fine luglio al Porto Antico, il collettivo comico composto da Enzo Paci, Daniele Ronchetti, Marco Rinaldi, Andrea Carlini, Andrea Di Marco, Andrea Possa e Antonio Ornano torna sul palco del teatro di via Bacigalupo con un nuovo e irriverente spettacolo
05-12-2022
I Trilli tornano al Teatro Rina e Gilberto Govi di Genova Bolzaneto con il nuovo spettacolo Tra un gòtto e l'âtro”
01-12-2022
Rubens e Bacco. In vino veritas
16-11-2022
Scegliere un corso di inglese, gli errori da non commettere
15-10-2022
Rubens e aristocratiche bellezze a Palazzo Imperiale di Genova
13-10-2022
L'arte crea inclusioni - “Alter Ego & Friends”
07-10-2022
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO