Le cozze liguri a rischio a causa del surriscaldamentoUn'eccellenza territoriale ligure da tutelare
14-02-2023

Il surriscaldamento delle acque aumenta il metabolismo delle orate e le rende più voraci, con ingenti danni alle colture di muscoli e mitili

 

“muscoli” spezzini (più comunemente noti come cozze) rappresentano una produzione assai rinomata in Liguria e in Italia. 
Un’eccellenza territoriale vera e propria che, però, oggi è quotidianamente messa alle strette dal cambiamento climatico e dal conseguente surriscaldamento del mare, nonché dal perdurare di periodi siccitosi che, da maggio 2022, si alternano a violenti episodi temporaleschi in tutta la regione e nell’intero Belpaese.

 

Nonostante le difficoltà vissute nel corso degli anni dal settore, la situazione attuale preoccupa e non poco gli operatori spezzini, le cui perplessità prendono forma attraverso le parole di Angelo Majoli, Presidente dei Pensionati Coldiretti della Spezia e Presidente onorario dei mitilicoltori spezzini. “La molluschicoltura spezzina rappresenta un comparto fondamentale per l’agroalimentare ligure – spiega Majoli – e oggi più che mai è messa a rischio su diversi fronti. Con l’aumento della temperatura delle acque cresce anche in maniera esponenziale il metabolismo delle orate, che di conseguenza incrementano la propria alimentazione a discapito dei pescatori. Non è sempre stato tutto rose e fiori, soprattutto perché il settore è fortemente legato alla volubilità del meteo. Ma oggi la situazione si sta facendo davvero preoccupante: non di rado la gente non riesce neppure a portare a casa uno stipendio”.

 

Il problema principale, oltre alla siccità che da maggio 2022 continua ad alternarsi con bruschi fenomeni temporaleschi e conseguenti mareggiate, sono ancora una volta le orate: ghiotti di muscoli già in situazioni normali, con l’aumento delle temperature marine questi pesci vedono incrementare il proprio metabolismo e, di conseguenza, la propria voracità, lasciando “a bocca asciutta” i muscolai che in quella produzione hanno investito tutto. E che, proprio per questo, perdendola vedono vanificato ogni sforzo e non riescono a portare a casa il reddito sufficiente a sostentare le proprie famiglie. “Tutto questo – spiegano Sara Baccelli Paolo Campocci, Presidente e Direttore di Coldiretti La Spezia, di concerto con Daniela Borriello, Responsabile di Coldiretti Impresa Pesca Liguria – porta molti a ritirarsi dall’attività. Un danno economico e sociale immane, a cui bisogna porre rimedio quanto prima.

 

“Oggi è più che mai evidente – spiega Angelo Majoli – che l’aumento delle temperature marine ha reso le orate più voraci, causando danni ingenti a tutto il comparto. La situazione è cambiata radicalmente rispetto agli anni passati: a inizio stagione la predazione era normalmente inferiore, perché con le prime piogge e i fenomeni temporaleschi tipici del periodo portavano le orate ad allontanarsi, ma con la siccità hanno finito per diventare stazionarie e grosse all’inverosimile. Si è arrivati a pescare orate anche di 5-6 kg, degli esemplari davvero giganti rispetto alla media”.

Lo stesso Majoli – in occasione della tradizionale assemblea dei Senior della Coldiretti, tenutasi a Palazzo Rospigliosi lo scorso 25 gennaio – ha avuto modo di esternare e descrivere questa nostra problematica locale anche a livello nazionale. “Ho raccontato la nostra storia – continua Majoli – perché il problema è grave e va risolto quanto prima. Io stesso la scorsa primavera sono uscito in mare, ma dopo poco tempo ho dovuto riportare la barca a terra perché non c’era prodotto. Neppure la protezione delle reti è più sufficiente: le orate trovano sempre un modo per entrare e razziare i muscoli e i mitili. Con il risultato che oggi dobbiamo far fronte a due stagioni rovinate. Negli ultimi mesi abbiamo provato a mettere le resse dei muscoli anche al di fuori della diga, dove la temperatura dell’acqua è più fredda, ma nulla: purtroppo le orate continuano a razziare”.

 

In questa situazione, “chiediamo alle Istituzioni – conclude il Presidente dei Pensionati Coldiretti della Spezia e Presidente onorario dei mitilicoltori spezzini – di normare in modo adeguato la pesca anche nelle acque interne, dove si trovano i nostri allevamenti. Solo così possiamo ridurre drasticamente i predatori delle nostre colture e sperare di salvare il nostro reddito”.

La redazione 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

A Maggio 2024 Sestri Levante ospiterà Mare & MostoDOMENICA 19 E LUNEDÌ 20 MAGGIO 2024 TORNA A SESTRI LEVANTE MARE&MOSTO, LA MANIFESTAZIONE SUL VINO E SULL’OLIO LIGURE
06-04-2024
Solo il 7% degli Italiani Raggiunge il Target di Frutta e Verdura: Come Cambiare RottaIn primavera bisogna mangiare tutti i colori
03-04-2024
Diventare uno chef di successo: qual è il percorso migliore?
20-03-2024
Giornata mondiale dei legumi il 10 febbraio anche in LiguriaDal 10 al 17 febbraio oltre 140 cuoche e cuochi in tutta Italia celebrano la biodiversità di Presìdi e varietà locali di legumi
06-02-2024
Da Londra a Sestriere, continua il viaggio del pesto genoveseIl Pesto Snow Park non ha solo celebrato la tradizione culinaria ligure ma ha anche simboleggiato un ponte tra mare e montagna, avvicinando Sestriere e il Piemonte alla costa ligure, in un'ottica di promozione turistica reciproca
05-02-2024
Un panettone diventa ambasciatore culturale e gastronomico della Valle ArrosciaIl panettone è una creazione dello Chef Roberto Revel
21-12-2023
1° Meeting Internazionale degli UnderWaterWinesOrganizzato da Jamin Portofino - la prima PMI innovativa ligure specializzata in affinamento subacqueo
21-11-2023
La donna preferisce il sushi con un rosè, l'uomo la pizza con una birraDifferenze di Gusto tra Donne e Uomini, stereotipi o verità?
19-11-2023
Il Trend del Pokè a Sestri Ponente: Solo Una Nuova Moda Culinaria?Sempre più Locali di Pokè a Genova
18-11-2023
Ristoranti Stellati in Liguria: Cresce il Prestigio della Cucina RegionaleSono 13 i ristoranti liguri nella Guida Michelin 2024
15-11-2023
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO