Marketing responsabile: i consumatori vogliono essere informati
04-05-2022
Il mercato e l’economia negli ultimi anni sono cambiati in una maniera inaspettata e incredibile. Merito, o colpa, del marketing.

Non si può iniziare un’attività, non si può avviare un’impresa, senza prima fare un bel programma e un bel approfondimento di marketing. Dietro ad ogni successo, infatti, c’è una pianificazione precisa, un progetto da seguire e da articolare con molta calma e concentrazione. Ci sono delle strategie da seguire, degli strumenti da utilizzare.

A dimostrarlo c’è il comparto del gioco d’azzardo legale e pubblico in Italia, che negli ultimi anni ha visto una grande crescita, sia nella sua componente fisica (penalizzata negli ultimi due anni dalla crisi sanitaria), sia nella sua componente online. Anche nella regione Toscana i trends di crescita dicono che il segmento a distanza del gioco è quello che la fa da padrone, riuscendo a salvare l’intero sistema grazie alla sua presenza durante i periodi di lockdown e di chiusure forzate.

Una crescita che deve essere letta anche, se non soprattutto, sotto la lente del marketing. Senza un grande, intenso, investimento nel marketing, infatti, il gioco online non sarebbe riuscito a crescere. Lo dimostra anche la parabola acendente della società Novomatic, marchio proprietario di AdmiralBet, che ha investito in particolar modo nel marketing responsabile per creare un gioco pubblico sempre più a misura di utente. Stiamo parlando, in questo senso, di uno strumento a dir poco indispensabile per un processo di riforma del settore. Lo hanno affermato anche gli esperti e i politici del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, che si sono incontrati a Roma per discutere le nuove regolamentazioni del gioco d’azzardo.

Tra gli interventi più interessanti del Focus “Giochi e scommesse in Italia” ci sono quelli di Laura D’Angeli, docente dell’Università di Roma Tor Vergata nonché esperta di gaming e fondatrice della BU Gamification. “Nel mondo del gioco si ragiona troppo alla vecchia maniera e il decreto Dignità ha vietato qualsiasi forma di pubblicità, ma i consumatori sono tanti e sono proattivi e vogliono essere informati. Da qui è nata l’idea del marketing responsabile. Agiamo sul consumatore con un paradigma diverso e mettiamo al primo posto l’informazione poi le classiche leve del marketing, prezzo, posizionamento e comunicazione”.

Senza il marketing, senza la comunicazione e la progettazione, insomma, sarebbe difficile per qualsiasi settore andare avanti e parlare con l’utente. Anche per un colosso come il gambling.

La redazione 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Un importante progetto di riqualificazione immobiliare a GenovaIntervista a Sebastiano Tuillier
02-02-2023
Opportunità di lavoro nel settore immobiliare a GenovaSebastiano Tuillier ci parla di IAD
31-01-2023
Zena Pulizieda oltre vent'anni servizi di pulizia completi e accurati
29-01-2023
Conosciamo Autoservice, eccellenza nelle autoriparazioni autoIntervista a Claudio Taffetani
22-01-2023
IN PRIMO PIANO
Opportunità di inserimento nel mondo del lavoro per i giovaniIntervista a Enrico Morando
20-01-2023
Eccellenze in Liguria: il vantaggio competitivo della rete d'impresa Evolgo nell'automotiveEvolgo è la prima rete impresa automotive in Italia e permette all’autoriparatore aderente di avere maggiori tutele e risposte contro la crisi e le minacce del mercato
19-01-2023
Eccellenze dell'imprenditoria genovese: il Centro Dentistico SDC e le sue tecnologieDal dentista come in un centro benessere
17-01-2023
8 semplici passaggi per realizzare un ottimo video promozionale
14-12-2022
Accademia Italiana della Marina Mercantile e Fincantieri insieme per un nuovo corso ITS e per la formazione continuaPartirà nel mese di dicembre il primo corso di formazione continua, presso la sede genovese dell’Accademia Italiana della Marina Mercantile
06-12-2022
Virtual tour, la nuova frontiera della presenza on line
08-11-2022
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO