Presepi di Liguria: tradizioni, arte, devozioni, curiosità. La Mostra al Museo Beni Culturali Cappuccini -fino al 3 febbraio
20-11-2018

Da sabato 24 novembre 2018 a domenica 3 febbraio 2019, al Museo Beni Culturali Cappuccini di Genova si terrà la mostra "Presepi di Liguria - Tradizione, arte, devozione, curiosità". Il simbolo più popolare del Natale è il presepe, cioè quella rappresentazione visiva di quanto si legge nel Vangelo di San Luca al capitolo secondo: la nascita di Gesù che “viene adagiato in una mangiatoia perché non vi era posto per loro nell’albergo”, ma gli angeli trasformano la notte in una festa meravigliosa, invitando i pastori a rendere omaggio a quel bambino.


Anche oggi, il presepe è presente in milioni e milioni di famiglie in tutto il mondo. Si tratta di una tradizione che affonda le sue radici in uno specifico fatto storico della vita di San Francesco. Fu lui, il poverello d’Assisi, a dar vita per la prima volta a un presepe, e lo fece a Greccio, in Umbria, il 25 dicembre 1223. Possiamo quindi considerare San Francesco d’Assisi come “l’inventore” del presepe.


Il Museo dei Beni Culturali Cappuccini ha creato un nuovo percorso espositivo per valorizzare e inserire in nuove ambientazioni paesaggistiche liguri un’accurata selezione di statuine da presepe provenienti dai conventi cappuccini e da collezioni private. Fiore all’occhiello della collezione del Museo è il prezioso corteo dei Re Magi attribuito ad Anton Maria Maragliano, il più celebre scultore di statuine da presepio genovesi del settecento. Altrettanto espressive sono le statuine di Pasquale Navone, uno dei suoi più apprezzati seguaci.


Il grande sviluppo dei presepi scolpiti si ebbe infatti nel settecento, quando si formarono le grandi tradizioni del presepe napoletano, genovese e bolognese. In questo secolo si diffusero i presepi nelle case dei nobili e nel XVIII secolo a Napoli e a Genova si scatenò una vera e propria competizione fra famiglie su chi possedeva il presepe più bello e sfarzoso: i nobili impegnavano per la loro realizzazione intere camere dei loro appartamenti ricoprendo le statue di capi finissimi di tessuti pregiati e scintillanti gioielli autentici.


Ma il presepe lo si apprezza anche nella sua forma più popolare. Fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento il presepe arrivò anche negli appartamenti dei borghesi e del popolo, dove divenne il centro simbolico attorno al quale ruotavano le festività natalizie. Nella Liguria di Ponente, si manifesta a partire dal XIX secolo con i famosi “Macachi” di Albisola: produzione di tipo casalingo, in origine realizzata quasi esclusivamente da donne che lavoravano nelle fabbriche di ceramica di Albisola. Queste stauine erano denominate “macachi’ (ossia sciocco, da poco) dai ceramisti albisolesi di inizio ‘900 che ne sminuivano il valore artistico.


Tutte le statuine sono inserite in ambientazioni ricreate da Emilio Burri e Luciana Scarone rispettando le scenografie tradizionali del presepe genovese dove è possibile calarsi nella visione di tipiche scene di paese da guardare con attenzione per individuare tutti i particolari. All’interno dell’allestimento museale è ricreato anche un piccolo laboratorio del presepista, dove i visitatori potranno interagire con i materiali impiegati nelle scenografie e nelle statuine.


Completa il percorso il presepe meccanico realizzato  dall’artigiano di Carmagnola Franco Curti a partire dagli anni ‘30 in 12.000 ore di lavoro. La sua prima esposizione pubblica risale agli anni ‘40 e da allora affascina grandi e piccini grazie agli oltre 150 personaggi in movimento. La parte centrale, animata da un unico motore, è un trittico di 40 m2 composto dalla ricostruzione di Betania, Gerusalemme e Betlemme al tempo di Gesù. Altri 5 motori muovono i quadri meccanici che precedono il presepe con le Profezie di Isaia, Michea, Malachia e la ricerca dell’alloggio.


Incornicia l’esposizione di presepi una sezione di arte che rappresenta un momento di riflessione sul significato del Natale, tra storia, tradizioni e simboli, attraverso opere che spaziano da importanti dipinti a sculture; ne sono esempio: l’ “Adorazione dei pastori” di G. B.Casoni; l’ “Annunciazione” di G. B. Paggi e la “Sacra Famiglia” di P. Piola.


Segruirà un ciclo di incontri, concerti e visite guidate ancora in via di definizione.


Viale IV Novembre, 5
Passo Santa Caterina Fieschi Adorno
16121 Genova


Ingresso da Via Bartolomeo Bosco (dietro Palazzo di Giustizia)


Orari:
dal martedì alla domenica: 14.30-18.00
giovedì: 10.00/13.00 – 14.00/18.00


Per visite guidate a gruppi su prenotazione

Per informazioni:
010.8592759
www.bccgenova.it
info@bccgenova.org 
museocappuccinige@gmail.com

La redazione 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Segrete Tracce di Memoria, la mostra per non dimenticare la Shoah a Palazzo DucaleLa mostra è stata allestita all’interno delle antiche celle della Torre Grimaldina, nel Palazzo Ducale di Genova ed è visitabile fino al 4 febbraio 2023
25-01-2023
IN PRIMO PIANO
La befana a Villa ImperialeDomenica 8 gennaio alle ore 15.30 laboratorio animazione per bambini sulla Befana
05-01-2023
Giovedì 5 gennaio 2023 iniziano i saldi invernali 2023I saldi durano 45 giorni e già da alcuni giorni i negozi espongono un cartello ben visibile che annuncia l'effettuazione dei saldi e la data di partenza
04-01-2023
Quattro chiacchiere con AlfaAndrea De Filippi, questo il suo nome, ha saputo non solo trovare la sua strada professionale ma anche diventare un esempio per molti ragazzi che lo seguono
23-12-2022
IN PRIMO PIANO
Scopriamo il nuovo Gratta e Vinci Super Numerissimi e la nuova interfacciaSuper Numerissimi è l’ultima novità nel panorama dei Gratta e Vinci online, che ormai sembra essere il divertimento su cui si riversa la scelta di moltissimi italiani anche nel periodo delle festività natalizie
20-12-2022
Capodanno al Teatro Garage con Marco RinaldiMarco Rinaldi ci racconta le vicende originali di Tarzan, Zorro, Sandokan, James Bond, Ulisse e di altri indimenticabili eroi che ci fanno sognare da sempre
12-12-2022
Italia, il futuro delle imprese passa per lo SPID professionaleA cosa serve lo SPID professionale? Stando alle aziende intervistate da Kantar, sono diversi i vantaggi percepiti dello SPID professionale. Innanzitutto, viene riscontrata una maggiore efficienza e semplificazione delle attività professionali, dovuta a una riduzione della distanza e dei tempi di risposta delle PA.
05-12-2022
Torna il Luna Park a GenovaMercoledì 7 dicembre l'inaugurazione ufficiale con taglio del nastro, fuochi d'artificio, truccabimbi, trampolieri e, solo per i primi mille visitatori, un blocchetto di buoni sconto da 100€
05-12-2022
IN PRIMO PIANO
Città più green d'Italia: La Spezia al 9° posto, male Genova
24-11-2022
IN PRIMO PIANO
Il vecchio e il male in scena per i 50 anni di Daniele Raco
08-11-2022
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO