Rubens e aristocratiche bellezze a Palazzo Imperiale di Genova
13-10-2022
Palazzo Imperiale ospiterà la mostra “Rubens e aristocratiche bellezze a palazzo Imperiale” curata da Michela Cucicea.
La mostra sarà visitabile dal 8 ottobre 2022 al 31 marzo 2023 presso i Saloni delle Feste  tutti i giorni dalle 15:00 alle 18:00 e nel prezzo del biglietto (10 euro) è compresa la visita guidata (è gradita la prenotazione).
Per scuole e gruppi è prevista anche un’apertura su prenotazione in mattinata.

Abbiamo scelto come immagine guida della mostra il ritratto rubensiano di Brigida Spinola per un particolare motivo: approfondendo le vicende personali dell’effigiata (Brigida diventerà la seconda moglie di Gio. Vincenzo Imperiale), siamo riusciti, grazie a documenti d’archivio, a evidenziare alcuni dei segreti per cura della persona e i trucchi di bellezza delle dame genovesi.

La mostra accoglie il visitatore in una delle antiche dimore dei Rolli alla scoperta di una parte di quella Genova che tanto aveva colpito il giovane Rubens.
Stanza dopo stanza sono svelati segreti della vita privata delle dame genovesi: dalla confezione di abiti sontuosi ai peculiari gioielli, dagli accessori per acconciature ai profumi accattivanti, dai trucchi di bellezza al regime alimentare.
Il visitatore è immerso in una esperienza multisensoriale unica nella rievocazione storica, attraverso suoni, colori e odori che caratterizzavano le dimore dei “Magnifici.”

Highlights

  1. Sala del caminetto - Ricostruzione storica dell’abito di Brigida Spinola - il pesarese Nicola Trotta, sarto ricostruttore, specializzato nella confezione di abiti storici di diverse epoche, ha impiegato due anni (ricerca, studio, lavorazione) per realizzare l’abito di Brigida Spinola raffigurata da Rubens, con una dovizia di particolari straordinaria. Ogni indumento è stato cucito interamente a mano rispettando le conoscenze dell’epoca. L’abito in mostra è UNICO in tutta Italia e anche il suo creatore è unico in Italia per la sua specializzazione.


Una riproduzione del ritratto faciliterà il visitatore a confrontare la maestria dei due artisti, pittore e sarto, e una trascrizione di un documento d’archivio del guardaroba di Brigida permetterà al pubblico di conoscere gli abiti e i gioielli dell’effigiata.

Coup de théâtre - nella sala si percepirà la fragranza del profumo delle dame genovesi dell’epoca.
La ricerca archivistica della curatrice e la profesionalità di un azienda genovese (Ecofarmgroup) hanno riportato “in vita” un antico profumo genovese, tutto da scoprire.
Le numerose testimonianze coeve, restituiscono l’immagine di una dama genovese riccamente abbigliata e ingioiellata.
I documenti d’archivio dimostrano anche - dettaglio non trascurabile – che la donna genovese seguiva dei rituali per la cura della persona in cui l’acqua è fondamentale (una vera Spa – salus per aquam) e il profumo segue i criteri dell’aromaterapia: le fragranze devono aportare benefici alla persona che le “indossa” oltre a piacere al prossimo.

  1. Sala del Cambiaso – rafigurazione della famiglia di Gio. Vincenzo Imperiale, tela di Domenico Fiasella datata 1642 e approfondimento scientifico della committenza Imperiale a Rubens.

  2. III sala è dedicata ad alcune maestranze dell’epoca:

    1. La bottega dello speziale (apoteca aromataria) farmacista ante-litteram ma anche creatore di essenze e profumi;

    2. Il Pizzo genovese – il pizzo al tombolo è una tradizione secolare del genovesato e vanta un primato documentario prima di ogni altro centro di lavorazione. Un’abile merlettaia vestita in costume d’epoca, interamente ricostruito a mano, svelerà i segreti di quest’arte.

    3. La Prescisêua – abbiamo scelto questo prodotto di eccellenza, esclusivamente ligure per le sue particolari qualità, tutte da scoprire all’interno della mostra.
      D’altronde due quadri all’interno della mostra Rubens e Genova, raffigurano due scene di mercato con una besagnina intenta a vendere il famoso formaggio “che sa far Genova sola” (cit. poeta Carlo Innocenzo Frugoni, Poesie 1779)




 

Sponsor unico della mostra



Le origini della Prescinsêua sono antichissime, come testimoniano documenti d’archivio risalenti al XIV secolo e una legge del 1413 (Politicum Janue) che la catalogava come possibile dono da parte dei genovesi ai dogi.

 La prescinsêua, inserita nel progetto Genova Gourmet, è  da sempre indispensabile per la preparazione delle pregiate torte salate genovesi e utilizzata in molti altri piatti della tradizione. Una sintesi perfetta tra un territorio e uno dei prodotti più caratteristici e caratterizzanti. 

 Così commenta Mario Restano, Direttore Marketing di Latte Tigullio: “Ben 40 anni fa Latte Tigullio - Centro Latte Rapallo, ora parte del gruppo Centrale del Latte d’Italia, ha riproposto al pubblico genovese e non solo la Prescisêua. Un prodotto tipico del territorio di cui, intorno agli anni Settanta, se ne era persa la disponibilità, era reperibile soltanto tramite la distribuzione dei pastori locali oppure con una produzione in autoconsumo. L'intuizione del Centro Latte Rapallo negli anni Ottanta, insieme alla Lylag che produce la prescisêua in Genova, e che festeggia proprio nel 2022 i suoi 70 anni di storia, è stata quella di offrire un prodotto tipico del territorio, disponibile tutti i giorni, con le più elevate garanzie di salubrità.”

All’inaugurazione avvenuta l’8 ottobre ha portato il suo saluto Anna Orlando, in quanto ideatrice dell’progetto Rubens. A Network che vede la mostra collaterale al Palazzo Imperiale come una delle 40 iniziative a Genova durante la grande mostra al Palazzo Ducale.

Per tutte alle informazioni e chiarimenti
Mail: info@filimeravigliosi.com



DAVIDE ROMANINI

Nato nel 1969 a Genova, ingegnere, uno dei due soci di Zenazone e co-fondatore di Zenazone.it
Autore di oltre 200 video itinerari turistici in tutta Italia con il format Eats&Travels
Videomaker Ambassador Traipler
Oltre 1.000 fotografie nello stock photography
Realizza Virtual Tour per qualsiasi struttura (per informazioni e per creare un virtual tour nella tua struttura)
Realizza strategie di Web Marketing e Video Web Marketing

 

ARTICOLI CORRELATI

Il Teatro Nazionale di Genova ricorda Mariangela Melato a dieci anni dalla scomparsaVersatile e intensa, capace di passare con facilità dal registro brillante a quello drammatico, Mariangela Melato negli anni in cui è stata legata al Teatro Stabile di Genova è stata protagonista di spettacoli molto diversi l’uno dall’altro
10-01-2023
Attraverso le grandi acque, mostra di arti figurative al GalataOltre le “grandi acque” dell’Oceano. Il titolo della mostra è paradigma e cifra del percorso espositivo, un vedere “oltre”, varcare e sapere che altri mondi sono possibili.
09-01-2023
Figurine di Natale al Museo Diocesano di GenovaDa giovedì 1° dicembre 2022 al Museo Diocesano di Genova sarà esposto il prezioso Presepe in sagome ritagliate e dipinte realizzato nel XVII secolo.
28-12-2022
Mostra di Roberto Rossini al Galata Museo del Mare a GenovaFloating Map (deconstruction) è la mostra di Roberto Rossini che si apre il 13 dicembre 2022 al Galata Museo del Mare di Genova.
11-12-2022
Bruciabaracche al Politeama genovese con Palle di NataleDopo il successo del “Brucia Beach Party” di fine luglio al Porto Antico, il collettivo comico composto da Enzo Paci, Daniele Ronchetti, Marco Rinaldi, Andrea Carlini, Andrea Di Marco, Andrea Possa e Antonio Ornano torna sul palco del teatro di via Bacigalupo con un nuovo e irriverente spettacolo
05-12-2022
I Trilli tornano al Teatro Rina e Gilberto Govi di Genova Bolzaneto con il nuovo spettacolo Tra un gòtto e l'âtro”
01-12-2022
Rubens e Bacco. In vino veritas
16-11-2022
Scegliere un corso di inglese, gli errori da non commettere
15-10-2022
L'arte crea inclusioni - “Alter Ego & Friends”
07-10-2022
Enrica Capone ci racconta la sua mostra Accarezzando l'invisibile
02-10-2022
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO