Uova Pasquali di cioccolato: dalle origini ai giorni nostri
04-01-2023

Durante il periodo di Pasqua, pochi doni riescono a far sorridere i bambini tanto quanto le uova di cioccolato. Da lungo tempo, infatti, questi dolci caratteristici fanno parte della nostra tradizione, come simbolo di pace, gioia e rinascita spirituale, ma anche come snack goloso per grandi e piccini.

Oggi le uova di Pasqua sono reperibili in qualsiasi supermercato o negozio di alimentari, compresi quelli digitali, in una vastissima gamma di varianti: dalle più classiche (come quelle al cioccolato al latte o fondente) alle più particolari (con nocciole intere o in granella, al pistacchio e molte altre).

I prezzi cambiano a seconda degli ingredienti e del tipo di lavorazione. Ad ogni modo, basta effettuare una ricerca online per trovare ottimi dolci artigianali – come le uova di Pasqua di Sapori dei Sassi, disponibili in formati e gusti differenti – da ordinare comodamente da casa ed a basso costo.

Ma quando ha inizio, di preciso, la storia delle uova pasquali? Erano identiche a quelle in vendita ai giorni nostri, oppure si presentavano diversamente, sia nell’aspetto che nella composizione e nel gusto? Scopriamo insieme tutti i dettagli sulla nascita e sull’evoluzione delle uova di cioccolato!

Chi ha inventato l’uovo di Pasqua?

Le prime uova di cioccolato – secondo gli storici – comparvero alla corte del Re Sole, Luigi XIV, il quale commissionò un dolce a base di crema di cacao dalla forma, appunto, ovale ai suoi maestri cioccolatieri. Tuttavia, l’idea di inserire un piccolo dono all’interno dell’uovo risale al Settecento: si trattava dell’uovo Matrioska, ad opera di Fabergè. Altri, invece, riportano che nel territorio piemontese – in particolare a Torino – vi fosse già l’usanza di regalare uova di cioccolato con sorpresa. Le quali, in seguito, sarebbero diventate una vera e propria “moda” associata al periodo delle festività pasquali.

Difatti, la tradizione di scambiarsi uova dipinte o decorate in occasione della Pasqua è molto antica, addirittura proveniente dalla Germania durante l’epoca Medioevale: l’uovo, recando al suo interno una nuova vita, era il simbolo perfetto della Resurrezione Cristiana. In tempi più recenti, probabilmente nell’Italia Settentrionale, le due usanze ebbero modo di unirsi e, da questa combinazione, venne fuori l’uovo di Pasqua di cioccolato. Dapprima era realizzato soltanto dai maestri artigiani ma, in seguito, con la sua diffusione su scala globale, divenne un prodotto industriale a tutti gli effetti.

Uova di Pasqua in epoca contemporanea

Nel XX secolo – in particolare negli ultimi decenni – la popolarità delle uova pasquali di cioccolato è cresciuta senza mezzi termini. La lavorazione, affidata alle industrie del settore alimentare, è stata via via ottimizzata, allo scopo di ridurre le risorse e i tempi necessari per la preparazione, il confezionamento e la distribuzione presso i vari punti vendita. Ciò ha permesso di abbattere sensibilmente il costo del prodotto finito, in modo tale da renderlo accessibile non soltanto per le famiglie più abbienti, quanto per la totalità – o quasi – della popolazione italiana.

Di recente, inoltre, l’offerta di uova di pasqua si è moltiplicata e diversificata: accanto ai grandi marchi legati alla produzione di cioccolata, sono sorte piccole aziende artigianali, talvolta a conduzione familiare. Queste ultime hanno cercato di riportare in auge i “vecchi” metodi di lavorazione, nonché l’uso di ingredienti di alta qualità, biologici o, comunque, di origine territoriale. In commercio, dunque, troviamo sia uova “firmate” che contengono regali di alto valore (es. gioielli, accessori moda, complementi d’arredo per la casa), sia uova a tema, dedicate ai cartoni animati, ai supereroi o ai personaggi dei videogames più amati dalle nuove generazioni, oppure con confezioni che riportano i colori della squadra di calcio preferita. Infine, vi sono le collezioni “bimbo” e “bimba”, oppure per una specifica fascia di età, così da sorprendere figli, nipoti e partner con una sorpresa adatta a loro.

​​​​​​​Immagine di pvproductions su Freepik

ARTICOLI CORRELATI

Vini tipici della Liguria: un viaggio attraverso i vitigni autoctoni
22-05-2024
Colori e Sapori a Camogli: Il Weekend di San Fortunato e la Sagra del PesceIl secondo Weekend di maggio, come ogni anno il borgo in festa per San Fortunato e la Sagra del Pesce di Camogli
10-05-2024
Degustazione di birre artigianali nel Centro Storico di GenovaBirralonga torna domenica 26 maggio per la sua ottava edizione nel Centro Storico di Genova, consolidandosi come un evento imperdibile per gli appassionati della birra artigianale
10-05-2024
Vinicoli 2024, una degustazione di vini naturali nei vicoli di GenovaDomenica 28 Aprile 2024 la settima edizione di VINICOLI
21-04-2024
A Maggio 2024 Sestri Levante ospiterà Mare & MostoDOMENICA 19 E LUNEDÌ 20 MAGGIO 2024 TORNA A SESTRI LEVANTE MARE&MOSTO, LA MANIFESTAZIONE SUL VINO E SULL’OLIO LIGURE
06-04-2024
Solo il 7% degli Italiani Raggiunge il Target di Frutta e Verdura: Come Cambiare RottaIn primavera bisogna mangiare tutti i colori
03-04-2024
Diventare uno chef di successo: qual è il percorso migliore?
20-03-2024
Giornata mondiale dei legumi il 10 febbraio anche in LiguriaDal 10 al 17 febbraio oltre 140 cuoche e cuochi in tutta Italia celebrano la biodiversità di Presìdi e varietà locali di legumi
06-02-2024
Da Londra a Sestriere, continua il viaggio del pesto genoveseIl Pesto Snow Park non ha solo celebrato la tradizione culinaria ligure ma ha anche simboleggiato un ponte tra mare e montagna, avvicinando Sestriere e il Piemonte alla costa ligure, in un'ottica di promozione turistica reciproca
05-02-2024
Un panettone diventa ambasciatore culturale e gastronomico della Valle ArrosciaIl panettone è una creazione dello Chef Roberto Revel
21-12-2023
    
AUTORIZZAZIONE


    
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso; utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per analizzare i comportamenti dei visitatori. Si può conoscere i dettagli consultando le nostre Cookie Policy e Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie e tutto quanto scritto nel documento; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.
CONSULTA    ACCETTO